top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreDM Farms

In che modo l’agricoltura idroponica fa risparmiare acqua

E’ possibile produrre la stessa quantità di verdure, ortaggi, frutta riducendo il consumo di acqua?


Ogni anno solo in Italia si consumano oltre 26 miliardi di m³ di acqua, ovvero 2.600 miliardi di litri di acqua. Tutta questa acqua è utilizzata per tutte le esigenze domestiche, industriali e agricole del paese. La cosa che sembrerà incredibile è che il 55% di quest’acqua è utilizzata solo per le produzioni agricole. Quindi più della metà dell’acqua consumata ogni anno in Italia serve per le produzioni agricole.


Negli ultimi mesi abbiamo sentito illustri studiosi descriverci scenari allarmanti non solo per le aree del sud Italia, tradizionalmente soggette alle siccità, ma anche per il centro nord del paese. La sempre minore disponibilità di acqua per l’agricoltura mette fortemente a rischio le potenzialità produttive di vaste aree agricole e nei prossimi anni dovremo trovare il modo per produrre vegetali usando meno acqua.


Per fare ciò la tecnologia e la ricerca scientifica stanno individuando varie strade possibili, una tra queste è l’agricoltura idroponica.


Grazie a questa tecnica produttiva è possibile consumare un solo litro di acqua per produrre una lattuga, quando in pieno campo ne occorrono mediamente 15 litri.

In agricoltura idroponica l’acqua raggiunge gli apparati radicali delle piante fornendo loro il necessario per la crescita, l’acqua non assorbita dalle piante non viene dispersa, ma ritorna ad accumularsi in una vasca da cui poi verrà prelevata e rimessa in circolo nel sistema.


L’unica acqua consumata sarà quindi quella assorbita dalle radici. Le piante usano l’acqua per il loro accrescimento e liberano nell’aria una parte di quest’acqua sotto forma di vapore acqueo. La tecnologia ci permette di recuperare anche l’acqua evaporata dalle foglie. Grazie alla coltivazione delle piante in ambiente protetto è possibile ricondensare questo vapore acqueo sottraendolo dall’aria. In definitiva con l’agricoltura idroponica in ambiente protetto è possibile risparmiare mediamente il 95% di acqua rispetto alle comuni tecniche colturali di pieno campo.


Pertanto la risposta alla nostra domanda iniziale è “SI”. Grazie alla tecnologia e alla continua ricerca scientifica, riusciremo certamente a produrre vegetali usando meno acqua di quella consumata oggi.


DM Farms - www.dmfarms.it - info@dmfarms.it


Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page